Rolls-Royce e Lurssen si concentrano sulla propulsione a metanolo per i grandi yacht

  • Pioniere nell'evoluzione sostenibile degli yacht
  • Primo passo: allestire un sistema dimostrativo alimentato a metanolo per la fornitura di una centrale termoelettrica combinata presso il cantiere navale

Rolls-Royce e il costruttore di yacht/navali Lürssen sostengono il metanolo come combustibile ecologico e rispettoso del clima per gli yacht. Stanno già lavorando a progetti specifici, tra cui la propulsione di uno yacht Lürssen utilizzando motori mtu metanolo di Rolls-Royce. Le due società hanno dato l'annuncio al Monaco Yacht Show, il più grande salone nautico mondiale.

Grandi yacht
Immagine solo a scopo di rappresentazione

Le società prevedono di concentrarsi su yacht di 75 metri di lunghezza e oltre, che hanno un grande potenziale per essere alimentati a metanolo, idealmente metanolo "verde". È un combustibile sintetico prodotto prelevando anidride carbonica (che è dannosa per il clima) dall'atmosfera e convertendola utilizzando energia elettrica da fonti rinnovabili come i parchi solari o eolici. La quantità di anidride carbonica emessa dai motori che funzionano con metanolo "verde" è uguale alla quantità originariamente estratta dall'aria, risultando in un'impronta di carbonio "zero netto".
Inoltre, i motori a metanolo emettono molto meno particolato rispetto ai diesel comparabili e i loro gas di scarico possono essere scaricati senza subire un post-trattamento SCR.

Daniel Chatterjee, direttore della sostenibilità, della gestione della tecnologia e degli affari normativi per la divisione Power Systems di Rolls-Royce, e Peter Lürssen, CEO e co-proprietario di Lürssen, hanno discusso le opportunità e le sfide di questa azienda durante il Monaco Yacht Show. "Il metanolo sta attualmente guidando la discussione sulle alternative al diesel fossile", ha affermato Chatterjee, che è fortemente coinvolto in molti comitati che studiano i combustibili di domani. “Esistono problemi di conservazione e utilizzo perché il metanolo è altamente infiammabile. Ma il carburante è liquido a temperature ambiente normali, quindi queste sfide possono essere gestite in sicurezza, come con altri combustibili", ha aggiunto.

La differenza principale, e quindi una sfida per gli architetti navali, ingegneri di costruzione navale, è che in termini di potere calorifico, il metanolo ha circa 2,4 volte il volume del diesel, quindi i serbatoi devono essere proporzionalmente più grandi. “I nostri clienti vogliono dedicare il minor spazio possibile allo scafo alla propulsione e allo stoccaggio del carburante. Il metanolo presenta qui degli svantaggi rispetto al diesel, ma evidenti vantaggi rispetto ad altre alternative ai combustibili fossili.

Ora stiamo vedendo che i potenziali acquirenti degli yacht di domani stanno pensando sempre più a come rendere il funzionamento delle loro navi il più rispettoso possibile del clima e dell'ambiente", ha osservato Peter Lürssen. “Stiamo quindi assistendo a una crescente volontà tra i futuri clienti di investire in nuove tecnologie per la protezione del clima e di fornire spazio a questo nella nave. »

“Lürssen è sinonimo di costruzione di yacht premium in categorie grandi e molto grandi. Siamo orgogliosi di essere partner da decenni, fornendo sistemi di propulsione innovativi e altamente sofisticati. È sempre una sfida tecnica e sarà lo stesso con il motore a metanolo, soprattutto se noi, come pionieri del settore, vogliamo influenzare la direzione del mercato.

Chi se non noi ha l'opportunità di fornire una spinta così innovativa per guidare lo shipping verso un futuro rispettoso del clima? ha chiesto Denise Kurtulus, Vice President, Marine per la divisione Power Systems di Rolls-Royce. "Siamo entrambi convinti che il metanolo sarà uno dei principali combustibili che alimenterà le navi di domani, ed è per questo che intendiamo utilizzare la crescente consapevolezza climatica nella società e tra i nostri clienti per impostare la direzione del settore e perfezionare la tecnologia", ha affermato continuato.

Rolls-Royce sta attualmente sviluppando un motore a metanolo basato sulla fortunata serie mtu 4000. A differenza del motore diesel, il cui carburante si accende automaticamente ad alta pressione, il metanolo, con il suo punto di infiammabilità inferiore, si accende utilizzando una candela, più o meno allo stesso modo . modo come un motore a benzina.

"Nonostante la crescente consapevolezza climatica, dobbiamo convincere i nostri clienti dei vantaggi del metanolo come carburante, poiché la potenza del motore sarà inferiore a quella di un motore diesel dello stesso peso e dimensioni", ha affermato l'amministratore delegato di Lürssen, Il dottor Justus Reinke. . Poiché la costruzione di grandi yacht – come quelli prodotti dai cantieri Lürssen – richiede tempi di consegna relativamente lunghi, vuole convincere i clienti a terra, per così dire, anche prima del varo del primo yacht a metanolo.

"Vogliamo lavorare con Rolls-Royce per gestire una centrale termica e elettrica a metanolo stazionaria in uno dei nostri cantieri navali come dimostratore per i nostri clienti", ha affermato il dottor Reinke. Allo stesso tempo, la società prevede di utilizzare l'impianto di cogenerazione a metanolo come fonte di energia per il proprio cantiere, rendendo le operazioni più sostenibili. L'energia meccanica sarà utilizzata per generare elettricità e il calore del motore sarà trasmesso alla rete di riscaldamento del cantiere.

“In questo modo ridurremo considerevolmente l'impronta di carbonio del cantiere. Dopotutto, non vogliamo solo aiutare i nostri clienti a essere più sostenibili, vogliamo anche essere noi stessi un modello”, sottolinea Peter Lürssen. L'amministratore delegato Dr. Justus Reinke è certo: “Insieme, Lürssen e Rolls-Royce stanno per scrivere un pezzo di storia dello yachting. »

Riferimento: Rolls Royce

Ultime notizie sulle spedizioni