CMA CGM lancia un programma di restituzione anticipata dei container per aiutare i caricatori a compensare le loro emissioni di carbonio

La società francese di container e logistica CMA CGM Group ha lanciato "TEUs to Trees", un programma di incentivi per la restituzione anticipata dei container progettato per aumentare la mitigazione del cambiamento climatico negli Stati Uniti, contribuendo allo sforzo globale volto a migliorare sia la fluidità che la velocità della fornitura catena.

CMA-CGM
Disegno. Per gentile concessione di CMA CGM

Il programma sarà in vigore dal 1 ottobre 2022 al 30 dicembre 2022.

Come spiegato, il nuovo programma di incentivi è un'opportunità per premiare gli spedizionieri che stanno facendo la loro parte per aumentare la disponibilità delle attrezzature, aiutandoli a compensare il loro impatto ambientale.

La crediti di carbonio CMA CGM acquisterà per conto dei suoi clienti sarà utilizzato, tra le altre cose, per sviluppare la silvicoltura americana, supportare progetti di resilienza urbana nelle comunità vulnerabili e stimolare la creazione di ulteriori progetti di compensazione negli Stati Uniti.

Attraverso questo programma, il gruppo desidera anche associarsi ai propri clienti e andare avanti insieme verso di più spedizione sostenibile.

Per aumentare l'impatto, CMA CGM ha anche esteso questo nuovo incentivo per la restituzione anticipata dei container per coprire sia i container refrigerati che quelli asciutti, nonché tutti i terminal oceanici degli Stati Uniti dove CMA CGM riceve container vuoti. Ciò consente ai caricatori di tutte le dimensioni e località di compensare le emissioni di carbonio e contribuire positivamente ai progetti socio-ambientali negli Stati Uniti.

Con un'economia globale in forte espansione, il settore marittimo ha visto un aumento senza precedenti della domanda in tutto il Nord America, portando a una maggiore pressione sulla capacità e sui porti. Questo programma di incentivi lanciato di recente è il terzo implementato da CMA CGM per incoraggiare il ritiro e la restituzione anticipati dei container.

Il nuovo programma di incentivi di CMA CGM dovrebbe portare a progetti di conservazione delle foreste e resilienza urbana in alcune delle comunità più vulnerabili degli Stati Uniti.

I crediti verranno emessi ai clienti CMA CGM che restituiscono container secchi e refrigerati da quasi 20 paesi asiatici a punti di restituzione approvati da CMA CGM nelle città portuali degli Stati Uniti. Durante tutto il programma, ogni importatore registrato pertinente riceverà: 2,5 tonnellate di crediti di carbonio per container restituito durante i giorni di calendario 1-4 e un rapporto sullo stato di avanzamento ogni 30 giorni.

Soluzioni progettate per accelerare la transizione energetica delle spedizioni e della logistica

Il Gruppo CMA CGM si impegna a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 e, pertanto, ha implementato una strategia di decarbonizzazione altamente mirata.

Alcune delle iniziative includono:

  • un fondo speciale per le energie da 1,5 miliardi di dollari: il gruppo ha annunciato a inizio mese la creazione di un fondo da 1,5 miliardi di dollari per accelerare la sua transizione energetica. Il fondo sarà strutturato intorno a quattro assi: sostenere lo sviluppo e la produzione di combustibili rinnovabili; Accelerare la decarbonizzazione di terminal portuali, magazzini e flotte di camion; Supportare, testare e lanciare progetti all'avanguardia nell'innovazione; e la ricerca del risparmio energetico e il miglioramento dell'efficienza energetica dei metodi di lavoro e della mobilità quotidiana dei dipendenti di CMA CGM.
  • Flotta E-methane Ready: nel 2017, CMA CGM è stata la prima a investire in navi bi-fuel che attualmente operano su gas naturale liquefatto (GNL). I motori installati su queste navi sono già compatibili con biometano et e-metano. Attualmente, il gruppo ha 31 navi “e-methane ready” in servizio e ne avrà un totale di 77 entro il 2026.
  • Investimenti in energie alternative: Il Gruppo investe in diversi progetti volti ad accelerare lo sviluppo di nuove energie. CMA CGM ha recentemente aderito al progetto Jupiter 1000, che mira a produrre e-metano da idrogeno verde generato da elettricità sostenibile e CO2 catturata dai processi industriali. CMA CGM ha anche annunciato nel luglio 2022, con Engie, l'intenzione di co-investire nel progetto Salamander, la prima unità industriale e commerciale per la produzione di biometano di seconda generazione.
  • Infrastrutture di bunkeraggio: per supportare la crescita di una flotta pronta per il metano elettronico, il gruppo CMA CGM contribuisce anche allo sviluppo di infrastrutture portuali per supportare il bunkeraggio di energie alternative. Nel 2021, il gruppo ha completato la prima operazione simultanea di bunkeraggio di GNL da nave a nave nel porto di Shanghai, che rappresenta un nuovo passo per la transizione energetica.
  • Offerte di servizi incentrate sull'ambiente: CMA CGM si impegna anche a supportare il percorso di decarbonizzazione dei propri clienti e, di conseguenza, ha sviluppato una gamma di servizi innovativi che consentono ai clienti di misurare, analizzare, ridurre e compensare la propria impronta di carbonio durante la spedizione con CMA- CGM.
  • Azioni per preservare e ripristinare la biodiversità marina e continentale, in particolare verso gli oceani, le mangrovie o le foreste, che sono potenti pozzi naturali di carbonio, essenziali per assorbire i gas serra.

“Il nostro nuovissimo programma di incentivi è un perfetto esempio della nostra continua ricerca per creare soluzioni innovative che si traducano in modi migliori di fare affari. Incoraggiare i clienti a restituire le scatole prima fornisce container e chassis aggiuntivi per le prenotazioni di esportazione e il tipo di incentivo che stiamo offrendo si tradurrà nella formazione di nuovi progetti socio-ambientali proprio qui negli Stati Uniti ". Ed AldridgeLo ha affermato il presidente di CMA CGM America e il presidente americano Lines.

"Ci auguriamo che attraverso questo programma, altri attori del settore saranno ispirati a sfruttare le loro capacità per avere un impatto positivo sull'ambiente e sulle nostre comunità locali".