Salva gli ingorghi delle navi portacontainer mentre l'arretrato continua

Se guardi a Los Angeles (LA) e Long Beach (LB), il più grande gateway di importazione di container d'America, penseresti che la congestione delle spedizioni sia diminuita in modo significativo. Il numero di navi in ​​attesa è sceso a 26 dalle 109 viste a gennaio. Ma la congestione portuale nordamericana sarebbe rientrata nel territorio dei record. E l'ingorgo in mare è peggio di quanto non lo sia mai stato.

A gennaio e febbraio 2022, quando la congestione nordamericana è aumentata, meno di 150 navi portacontainer erano in attesa al largo. Due terzi erano nella coda LA/LB.

Come riportato giovedì mattina, erano 153, la maggior parte provenienti dai porti della costa orientale e del Golfo. Il precedente stack della West Coast era molto pubblicizzato, centralizzato e più facile da seguire. La coda delle navi di oggi è relativamente più ampiamente erogata e attira meno attenzione.

Traffico di navi portacontainer (2)
Immagine solo a scopo di rappresentazione

Le code delle navi rimbalzano.

La congestione portuale sembrava diminuire a maggio e intorno all'inizio di giugno. Le code delle navi sono tornate a numeri a due cifre. 92 navi erano in attesa al largo al 10 giugno, seguite da 25 al largo di Savannah, 20 al largo di LA/LB, 18 al largo di New York (NY)/New Jersey (NJ) e 14 al largo di Houston.

Poi le cose hanno preso una svolta. Il conteggio ha raggiunto 125 l'8 luglio, 136 il 13 luglio e 140 il 19 luglio.

Con il numero che ha raggiunto 153, la coda delle navi portacontainer nordamericane è aumentata del 66% nelle ultime sette settimane.

Come riportato giovedì mattina, i dati sulla posizione della nave condivisi da MarineTraffic e gli ultimi elenchi di code per i porti della California hanno mostrato 43 navi portacontainer in attesa al largo di Savannah; 15 al largo di Oakland; 26 su LA/LB; 24 al largo di Houston; 17 al largo di Vancouver; 18 fuori New York/NJ; e dieci navi al largo di numerosi altri porti.

Di queste, 59 navi – il 38% del totale – erano in attesa al largo della costa occidentale, dove le file si arrampicavano al largo di Oakland e Vancouver. È stato riferito che c'erano 94 navi, il 62% del totale nei porti orientali e sulla costa del Golfo, con conteggi sia a Houston che a Savannah.

Terminali diversi, tempi di attesa diversi
VesselsValue, un fornitore di dati con sede nel Regno Unito, ha osservato differenze significative nei tempi di attesa nei primi 10 terminal della costa orientale, comprese enormi differenze tra i terminal all'interno dello stesso complesso portuale.

Ha mostrato quattro terminal della costa orientale con lunghi tempi di attesa: i terminal NY ed Elizabeth APM nel porto di NY/NJ e i terminal di Savannah e Garden City con sede al porto di Savannah.

Al contrario, i dati di VesselsValue hanno evidenziato tempi di attesa relativamente brevi ai terminal di Port Newark e Maher a NY/NJ; Terminal Virginia International Gateway e Norfolk International a Norfolk; il terminal di Packer Avenue con sede a Filadelfia; e anche il terminal Wando Welch della Carolina del Sud.

La svolta provocata dai timori della forza lavoro portuale?

Potrebbe non essere una coincidenza che la congestione della costa orientale e della costa del Golfo sia aumentata a giugno. Questo è stato anche il mese in cui sono stati lanciati i nuovi contratti annuali. Era anche l'ultimo mese prima della fine del contratto di lavoro della costa occidentale con il sindacato degli scaricatori di porto ILWU.

Akhil Nair, vicepresidente della gestione dei vettori presso Seko Logistics, ha menzionato in un briefing del 20 luglio che con le prime minacce di vincoli al lavoro e il potenziale sciopero dell'ILWU sulla costa occidentale, c'è stato un cambiamento durante la stagione contrattuale per i consumatori alla ricerca di prodotti convenzionali prodotti. caricatori della costa occidentale di richiedere una franchigia anche sulla costa orientale. Era una copertura contrattuale che hanno posto.

Riferimenti: Freight Waves, Zero Hedge, Information Tourism

Ultime notizie sulle spedizioni