Una svolta per il trasporto di container? I tassi a lungo termine iniziano a scendere

Secondo la società di benchmarking del trasporto marittimo Xeneta, le tariffe dei contratti a lungo termine nel trasporto di container sono diminuite solo per la seconda volta quest'anno a settembre, ora l'ultimo segnale che il ciclo di boom del settore causato dalla pandemia ha fatto il suo corso.

Mentre i tassi spot sono in costante calo da diversi mesi ormai, i tassi contrattuali sono stati più lenti a recuperare. Ma gli ultimi dati dello Shipping Index (XSI®) di Xeneta rivelano che le tariffe dei contratti a lungo termine sono scese dell'1,1% a settembre, segnando il primo calo da gennaio e solo il terzo negli ultimi 21 mesi.

"Doveva succedere prima o poi", afferma Patrik Berglund, CEO di Xeneta. “Abbiamo assistito a un aumento costante, e talvolta drammatico, delle tariffe dei contratti a lungo termine sin dai primi giorni della pandemia. Ciò ha alimentato profitti record per i vettori, con grande sgomento di una comunità di spedizionieri in difficoltà finanziarie. Ma negli ultimi due mesi sono emersi chiari segnali di cambiamento del mercato. »

I tassi spot sono caduti su tutta la linea quest'anno e in alcuni casi, come nel commercio chiave Shanghai-Los Angeles, sono scesi di oltre il 70% dai massimi di settembre 2021 a causa dell'attenuazione della domanda di importazioni americana e dell'allentamento della congestione.

"Il divario tra il mercato a lungo e quello a breve termine è ora più ampio che mai in molte operazioni, nonostante un numero record di partenze a secco in quella che normalmente sarebbe considerata un'alta stagione", afferma Berglund.

“In breve, questo significa 'la scarpa è finalmente sull'altro piede' quando si tratta di imminenti trattative contrattuali per il quarto trimestre e oltre. Gli spedizionieri sono in aumento poiché i vettori ora competono per assicurarsi i volumi di fronte al calo della domanda globale. Pertanto, prevediamo che il declino relativamente marginale di questo mese acceleri alla fine dell'anno. »

Ma mentre i caricatori finalmente hanno di nuovo le carte in regola, il consulente del settore Drewry consiglia loro di non "cercare vendetta" per i mal di testa della pandemia dato il consolidamento del mercato del trasporto di container. Xeneta fa eco a quel consiglio.

"Gran parte dell'attenzione è stata rivolta al profitto e alle prestazioni", aggiunge Berglund. “Ma potrebbe essere utile passare a un'atmosfera di creazione di fiducia e di solide relazioni tra le parti interessate. Questo atteggiamento aiuterebbe sicuramente al tavolo delle trattative.

Inoltre, tieni presente che l'indice di riferimento Xeneta Shipping è ancora superiore del 112% rispetto a settembre 2021 e che i vettori hanno sicuramente dimostrato di mantenere i profitti anche se la domanda vacilla.

"C'è ancora molta strada da fare prima che i tassi scendano prima di iniziare a parlare di importanti correzioni in linea con i livelli pre-pandemia", sottolinea Berglund. "Certo, potrebbe essere un caso di 'più sono grandi, più cadono', ma ultimamente i vettori si sono dimostrati molto abili nel gestire l'equilibrio tra domanda e offerta, quindi qui nulla è certo". Sicuramente ci aspettiamo che le tariffe scendano nel prossimo futuro... ma di quanto? »